viernes, 11 de febrero de 2011

Il compleanno dell´A.S. Livorno Calcio

Il 14 Febbraio, come tutti gli appassionati dei colori amaranto ben sanno, non sarà soltanto “San Valentino” festa degli innamorati, ma sarà il giorno in cui ricorre la nascita dell’Unione Sportiva Livorno.


Il 14 Febbraio 1915 infatti le due squadre di calcio cittadine la Spes e la Virtus Juventusque per opera dei loro dirigenti, in particolare dell’avvocato Giorgio Campi, decisero di unirsi per formare un unico forte team che avrebbe potuto lottare con gli squadroni della penisola. Dopo lunghe e fitte riunioni il 14 Febbraio 1915 in via Grande fu siglato l’accordo definitivo della fusione. Il colore sociale fu l’amaranto: quello della città.

La notizia non fu data subito perché molti tifosi di Spes e Virtus non erano d’accordo e si temevano ripercussioni per il forte antagonismo tra le due compagini. Il comunicato stampa ufficiale alla città fu diramato solo il 17 Febbraio a cose ormai avvenute.

Presidente venne acclamato il cav. Arrigo Galeotti. Vicepresidenti: Gino Carrara, Giuseppe Bricoli e Giorgio Campi. Erano tutti nomi importanti che ben rappresentavano la città, il terreno di gioco scelto fu quello di “Villa Chayes” (l’attuale campo dell’Accademia in via Lepanto).

In quell’anno i maestri Campi e Montanari incisero anche l’inno della Società “L’Amaranto è la nostra bandiera” che anche oggi suona all’Ardenza quando la squadra entra in campo.

Con il passare delle stagioni sportive la Società ha cambiato, anche a causa di alcune tribolate vicende societarie, la sua denominazione, passando da Unione Sportiva ad Unione Calcio Livorno a Pro Livorno, arrivando fino all’attuale A.S. Livorno Calcio 1915.

In novantasei di storia amaranto due secondi posti: nel 1920 dietro l’Internazionale e nel 1943 dietro al Torino, una vittoria in Coppa Italia di serie C e la partecipazione alla Coppa Uefa. Il traguardo europeo è stato raggiunto grazie alla strepitosa gestione del Presidente Spinelli (dodici anni a Marzo) che ha portato agli amaranto anche tre storiche promozioni: dalla C1 alla B e dalla B alla A (per due volte).

1 comentario:

chichano Goncalves dijo...

soy tifosi de as livorno és el club que mas nos representa, nosotros comunistas, socialistas y hasta anarquistas. arriba livorno e pra delante.